Un doppio Di Piazza illude, il Pordenone rimonta nel finale. Lecce ko 3-2

Scritto da  Luigi D'Ambrosio Sabato, 12 Agosto 2017 20:33

Una doppietta di Di Piazza illude i giallorossi che nella ripresa vengono rimontati dal Pordenone. Un Lecce dai due volti abbandona la Coppa Italia, i friulani avanzano

Matteo Di Piazza, stavolta non basta la sua doppietta per passare il turno Matteo Di Piazza, stavolta non basta la sua doppietta per passare il turno Foto Colpoditaccoweb

Il Lecce questa sera è ospite del Pordenone al “Bottecchia” per il terzo turno di Coppa Italia. Colucci si schiera con il 4-3-2-1 presenta Burrai in mezzo al campo, Ciurria e Buratto alle spalle di Gerardi. Rizzo risponde con il 4-3-3 con Lepore nella linea dei centrocampisti, Torromino a sostegno del tandem Caturano-Di Piazza. Prima occasione di marca friulana con Misuraca che serve Gerardi, quest'ultimo va di sponda per Ciurria che conclude di poco a lato. Al 6' il Lecce passa in vantaggio: Mancosu accende il radar e imbecca Di Piazza, l'attaccante si presenta davanti a Perilli e insacca con freddezza. I padroni di casa reagiscono con un colpo di testa di Gerardi, tentativo fuori non di molto. Due minuti più tardi ci prova Lulli da fuori, sfera sul fondo. Misuraca tenta il tiro sugli sviluppi di un corner, ma non centra il bersaglio. Squadre negli spogliatoi sul risultato di 0-1. 

Nella ripresa, dopo appena tre giri di lancette, ancora Di Piazza, come accaduto a Vercelli, raddoppia: l'attaccante palermitano si accentra dalla destra e batte per la seconda volta Perilli. Quarto sigillo in tre gare per l'ex Foggia. Al 6' Misuraca tenta la conclusione al volo, Perucchini blocca. All'8' Burrai va di potenza, Perucchini respinge. Il Lecce inizia a patire sul piano fisico, i ramarri attaccano ripetutamente, colpiscono un palo con Ciurria e riaprono la gara con Raffini che, dopo aver ricevuto da Gerardi, mette alle spalle di Perucchini. Palla al centro, ma il Pordenone attacca ancora e Ciurria viene steso in area: calcio di rigore. Dal dischetto va Burrai che pareggia i conti, è 2-2. I salentini stentano a creare e vengono messi sotto dalla veemenza dei padroni di casa che, al 90', completano addirittura la rimonta: angolo di Burrai dalla sinistra, Parodi svetta più in alto di tutti e beffa Perucchini. Non c'è più tempo, un Lecce dai due volti esce in maniera beffarda dalla Coppa e fa largo al Pordenone che affronterà nel quarto turno il Cagliari, vittorioso ai rigori contro il Palermo

PORDENONE (4-3-2-1): Perilli; Formiconi, Stefani, Parodi, De Agostini; Misuraca, Burrai, Lulli (32′ st Raffini); Ciurria (47′ st Boniotti), Buratto (8′ st Pietribiasi); Gerardi. A disp.: Meneghetti, Pellegrini, Silvestro, Facchinutti. All. Colucci.

LECCE (4-3-3): Perucchini; Ciancio, Cosenza, Marino, Di Matteo (30′ st Drudi); Lepore, Arrigoni, Mancosu; Di Piazza (22′ st Megelaitis), Caturano, Torromino. A disp.: Chironi, Vicino, Riccardi, Valeri, Monaco, Tsonev, Gambardella. All. Rizzo.

RETI: 34′ Raffini, 38′ Burrai rigore, 45′ Parodi (P); 6′ pt Di Piazza, 3′ st Di Piazza (L).

ARBITRO: Chiffi di Padova.

AMMONITI: Misuraca, Perucchini, De Agostini, Di Piazza, Formiconi e Caturano. 

Luigi D'Ambrosio

I più Letti

Facebook

 

 

Real Time Web Analytics