TENNIS La Puglia sul tetto del mondo: Pennetta-Vinci e Us Open alla brindisina

Scritto da  Luigi D'Ambrosio Domenica, 13 Settembre 2015 02:36

La brindisina si aggiudica il suo primo Slam battendo la corregionale e collega tarantina. Grandissima impresa dopo la vittoria della Schiavone a Parigi nel 2010

Roberta Vinci e Flavia Pennetta al momento della premizione Roberta Vinci e Flavia Pennetta al momento della premizione Foto WTA

Flavia Pennetta si aggiudica il derby italiano a New York battendo l'amica di una vita, Roberta Vinci. Le due pugliesi, nate a 65 km di distanza l'una dall'altra, hanno dato vita a una finale non bella, ma gradita dai 23 mila spettatori dell'Arthur Ashe Stadium, tra cui il nostro Presidente del Consiglio Matteo Renzi seduto in tribuna accanto all'Ambasciatore Claudio Bisogniero e al presidente del Coni Giovanni Malagò. L'inizo è stato il momento più critico del match e meno spettacolare con Flavia appesantita dal dover giocare la prima finale dello Slam della carriera con il pronostico a favore. La brindisina ha iniziato con 4 errori gratuiti, poi si è lentamente sciolta e nel quinto game, dopo aver mancato sei palle break, ha preso il primo vantaggio della partita salendo 3-2 e servizio. Flavia lo ha mantenuto salendo 4-2, ma sul 4-3 ha subito la reazione della tarantina che ha iniziato a spingere di più con il dritto, conquistando centimetri preziosi. Qui l'inerzia della partita sembrava propendere per la Vinci che dimostrava di avere più armi a disposizione, sebbene la palla della Pennetta fosse decisamente più veloce e penetrante. Ma al tie break Flavia è tornata a giocare come in semifinale con la Halep e Roberta è andata in affanno. La tarantina ha recuperato un minibreak di ritardo, ma sil 4-3 ha messo un dritto sul nastro e Flavia è potuta andare avanti 5-4 con due servizi a disposizione. Flavia ha tenuto chiudendo il tie break per 7 punti a 4. Nel secondo set, come riportano i colleghi di Gazzetta.it, Flavia è schizzata avanti 4-0, Roberta ha recuperato uno dei 2 break, ma sul 5-2 ha issato bandiera bianca consegnando la vittoria all'amica del cuore che ha chiuso con l'ultimo attacco di dritto lungolinea. Per Flavia è la prima vittoria in un torneo dello Slam e nel ranking di lunedì sarà la numero 8 del mondo. Roberta si consola con la finale giocata da protagonista e con la 19esima posizione mondiale. Flavia Pennetta diventa così la seconda italiana a conquistare un torneo dello slam dopo Francesca Schiavone che vinse Parigi nel 2010. Flavia è anche la terza più anziana dell'Era Open a conquistare uno Slam a 33 anni e 201 giorni. Meglio di lei sono Serena Williams (33 anni e 285 giorni a Wimbledon 2015) e Martina Navratilova (33 anni e 263 giorni a Wimbledon 1990). A fine partita durante la premiazione, Flavia risponde a tutte le domande, poi quando sembra arrivato il momento dei saluti, si ferma: "Devo dire un'ultima cosa: questo è stato il mio ultimo match agli Us Open e non potevo immaginare di finire in maniera più bella, lascio il tennis. Non è stato cmunque il mio ultimo match in assoluto, termino la stagione, chiudo a fine anno". Felice, vincente e pronta all'addio, che finale per Flavia Pennetta, la brindisina è la regina di New York.

I più Letti

Facebook

Real Time Web Analytics