PRO VERCELLI-FOGGIA 1-4: vittoria roboante dei satanelli in terra piemontese

Scritto da  Colpoditaccoweb.it Domenica, 29 Ottobre 2017 19:33

Nel primo tempo apre Raicevic, poi i rossoneri ribaltano il parziale con Mazzeo e Chiricò; nella ripresa gli ospiti chiudono la pratica con Mazzeo e Fedato

PRO VERCELLI-FOGGIA 1-4: vittoria roboante dei satanelli in terra piemontese Potito Chiummarulo

Stroppa sorprende tutti con lo schieramento di Celli da terzino sinistro escludendo Fedele dall’undici titolare con l’avanzamento di Gerbo a centrocampo nel 4-3-3 del Foggia. Grassadonia conferma quasi tutte le scelte previste alla vigilia, ad eccezione dell’esclusione di Firenze che lascia posto a Bifulco nel 4-3-2-1 dei piemontesi.

La gara inizia con un ritmo molto blando e con gli ospiti ancora storditi dalla prima sconfitta casalinga subita con il Parma, tant’è che al 9’ i biancocrociati trovano il vantaggio su una palla inattiva calciata da Mammarella arrivata tra i piedi di Coletti che manca l’aggancio e permette a Raicevic una facile marcatura da distanza ravvicinata. Al 15’ i satanelli provano a reagire con una punizione di Coletti deviata in corner a lato dall’estremo difensore vercellese. La squadra di Stroppa sembra abbagliata, ma al 30’ arriva l’episodio che decide la partita; fallo in area di Konatè su Deli, Ros di Pordenone concede il penalty ai rossoneri ed espelle il difensore ivoriano. Mazzeo con la sua solita imperturbabilità realizza e porta il risultato sull’ 1-1. Subito dopo il gol subito gli eusebiani corrono ai ripari inserendo il difensore Bruno al posto di Vives, per ristabilire la difesa a quattro divenuta a tre dopo l’espulsione. I pugliesi sembrano un’altra squadra dopo la rete e creano con Beretta un’altra pericolosissima occasione per andare al gol. Al 36’ i rossoneri, nonostante la superiorità numerica, rischiano di subire rete con un bel sinistro al volo di Raicevic ben parato da Guarna. Al 45’, quando sembrava che il primo tempo non avesse più niente da dire, il Foggia trova il vantaggio con Chiricò che, dopo un clamoroso errore di Bruno nella sua metà campo, si invola verso la porta e trafigge Marcone alla sua destra.              

Ad 2’ della ripresa gli ospiti sono subito pericolosi con Chiricò che calcia centrale da buona posizione. All’ 8’ è Gerbo a farsi vedere con una conclusione insidiosa che crea parecchi grattacapi a Marcone che blocca in due tempi. La gara è nel controllo dei dauni, che però in alcune circostanze palesano una eccessiva leggerezza in fase difensiva e provocano qualche patema ai seicento tifosi rossoneri presenti allo stadio Piola. Al 23’ il Foggia usufruisce di un altro rigore, per via di un fallo di mano di Legati, che viene trasformato con glaciale freddezza da Mazzeo che spiazza per la seconda volta Marcone, è 1-3. Due minuti più tardi la squadra di Stroppa chiude la pratica con un tap-in del neo entrato Fedato da distanza ravvicinata, dopo aver sfruttato una corta ribattuta di Marcone. Nella fase finale della gara l’unica occasione da segnalare è la traversa di Fedato su un tiro da fuori che avrebbe potuto rimpinguare ulteriormente il risultato. La gara finisce dopo 3’ di recupero, per i satanelli arriva un’importante boccata d’ossigeno per morale e classifica, per i piemontesi è notte fonda e la panchina di Grassadonia è sempre più a rischio.              

Nella prossima giornata i rossoneri affronteranno la Cremonese allo Zaccheria, mentre i vercellesi  giocheranno il derby piemontese contro il Novara in trasferta.

TABELLINO: Pro Vercelli Foggia 1-4: 9’ Raicevic (P), 30’ Mazzeo (F), 45’ Chiricò (F), 69’ Mazzeo, 71’ Fedato

PRO VERCELLI (4-3-2-1) Marcone; Berra, Legati, Konatè, Mammarella; Altobelli, Vives, Germano; Vajushi, Bifulco; Raicevic. A disp. Gilardi, Nobile, Barlocco, Pugliese, Grossi, Firenze, Rocca, Ghiglione, Polidori All. Gianluca Grassadonia

FOGGIA (4-3-3) Guarna; Loiacono, Camporese, Coletti, Celli; Vacca, Deli, Gerbo; Chiricò, Mazzeo, Beretta. A disp: Pelizzoli, Sarri, Pertosa, Ramè, Fedele, Calderini, Nicastro. All. Giovanni Stroppa

ARBITRO: il signor Ros di Pordenone

AMMONITI: Altobelli (P), Gerbo (F), Deli (F), Chiricò (F)

ESPULSI: Konatè (P)

RECUPERI: 1 p.t., 3 s.t. 

Giuseppe Zingrillo

I più Letti

Facebook

 

 

Real Time Web Analytics