MONOPOLI Dal rinnovo di Bei allo scambio De Vito-Maesano: il punto sul mercato

Scritto da  Luigi D'Ambrosio Giovedì, 11 Gennaio 2018 14:49

Ore decisive per il mercato del Monopoli che ha come priorità il rinnovo di Bei

Si lavora soprattutto per sistemare diverse pedine ritenute in esubero. Dopo le varie partenze del difensore Ricci che è stato ceduto a titolo definitivo alla carrarese, degli under, Diomande Ismael – in prestito in Friuli al Cjarlins Muzane - , Souare (è rientrato all’Inter dal prestito per essere girato a un club elvetico) e Di Cosola – in prestito al Nardò – si cercherà ora di piazzare altri effettivi. Tra questi, Lanzolla avrebbe al momento rifiutato due club di serie D (Gravina e Potenza?), Lobosco, forte del biennale, sarà girato in prestito. Inoltre, Paolucci destinato alla rescissione consensuale, non prima di aver trovato un accordo sulla buona uscita. Intanto, mister Beppe Scienza ha posto alcuni veti ritirando dal mercato due pedine ritenute indispensabili. Sarao, conteso da Sicula Leonzio e Casertana, e Genchi molto probabilmente continueranno a vestire il biancoverde sino a fine stagione. Per restare sul bomber barese, Il club monopolitano avrebbe seccamente rifiutato lo scambio con Tavares della Sicula Leonzio. Si lavora anche per il rinnovo sulla base di un biennale per Mattia Bei, fortemente corteggiato soprattutto dalla Ternana. Resta da monitorare la situazione di Bifulco. Il portiere pescarese non è più ritenuto prima scelta dal mister. Dovesse trovare altra sistemazione, il nuovo vice Bardini diverrebbe un altro estremo under. La voce “arrivi” resta piuttosto immacolato. Il diesse Alfio Pelliccioni sta lavorando sottotraccia di comune accordo con la dirigenza, oltre ovviamente legate alle esigenze dello staff tecnico. Partiamo dall’ipotesi scambio De Vito-Maesano proposto dalla Reggina: difficile che vada in porto. Sempre per il reparto arretrato, non dovesse partire Bei, non è escluso che non possano arrivare nuovi rinforzi. La priorità resta un centrale. L’argentino d’origini italiane classe ‘90 Pier Barrios ha effettuato test in prova per qualche giorno in riva all’Adriatico. Il giocatore interessa molto, ma dovrebbe prima ottenere anche la cittadinanza italiana avendo avi originari marchigiane. Le lungaggini burocratiche consiglierebbero di cautelarsi con altre figure, anche se la pista non sarà abbandonata. Pochi i nomi fatti per rimpinguare il reparto di centrocampo. Tutto dipenderà dalle intenzioni di modulo di Scienza. Dovesse continuare ad affidarsi al 3-5-2, impossibile prevedere rivoluzioni. In caso contrario, figure come quelle degli esterni Rota e/o Donnarumma (non sono né terzini e nemmeno vere mezzali) potrebbero mettere in condizioni il tecnico di reperire figure più adatte al cambio di sistema. Sempre per la difesa sarebbe stato accostato al gabbiano anche l’ex Mantova Cristini, attualmente in C al Cuneo, oltre a Daniele Marino della Ternana, già cercato durante la sessione estiva. Stando sempre ai vari rumors, per il reparto offensivo si starebbero sondando già da qualche settimana, Germinale del Fano, Tommaso Ceccarelli del Parto, oltre all’andriese Salvemini dell’Akragas, tuttora di proprietà della Ternana. Infine, per l'attacco piace anche l'esterno Michele Emmausso del Genoa, attualmente in prestito al Siena. 

Filippo Rattile

Facebook

Real Time Web Analytics