LECCE-TARANTO 3-0 Lepore, Torromino e Doumbia: i giallorossi calano il tris, ionici evanescenti

Scritto da  Luigi D'Ambrosio Domenica, 09 Aprile 2017 14:31

Il Lecce vince e si aggiudica il derby contro un Taranto mai del tutto in partita. Decidono le reti di Lepore dal dischetto, Torromino e Doumbia. Per la formazione di Padalino le distanze dalla vetta restano invariate per via del successo del Foggia a Caserta. Per la truppa di Ciullo saranno determinante le prossime sfide

Il Lecce vince e si aggiudica il derby contro il Taranto Il Lecce vince e si aggiudica il derby contro il Taranto Foto Pinto per Colpoditaccoweb

Nella 34^ giornata del campionato di Lega Pro al “Via del Mare” va in scena il derby tra Lecce e Taranto. Padalino rispolvera Ciancio sulla corsia destra difensiva e Arrigoni in cabina di regia, in avanti ritorna il tridente che ha trascinato i giallorossi durante la prima parte di stagione: Lepore, Caturano, Torromino. Ciullo si affida al 4-5-1, in difesa c'è De Giorgi al centro, l'ex Lo Sicco in mezzo al campo e l'unica punta è Magnaghi. La gara inizia a ritmi blandi, pochi sbocchi per entrambe le squadre. Il Lecce come sempre fa la partita, dalla corsia destra giungono i principali pericoli, ma Caturano arriva spesso in ritardo sui cross di Ciancio e Lepore. Al 22' l'episodio che sblocca il match: calcio d'angolo dalla destra, Giosa stacca e Nigro colpisce in pieno con la mano. Per il Sig. Forneau di Roma 1 è calcio di rigore e ammonizione per il centrocampista ionico, dal dischetto si presenta Lepore: palla da una parte e portiere dall'altra. Lecce in vantaggio. Trascorrono cinque minuti e Torromino firma il raddoppio. L'attaccante calabrese avvia l'azione, mette al centro, il pallone finisce dalla parte opposta e viene ributtato in area da Tsonev, l'incredibile Hulk sfrutta l'uscita a vuoto di Contini e deposita in rete con il mancino. I salentini continuano ad attaccare, Costa Ferreira impegna severamente Contini con un gran mancino. Il Taranto reagisce alla mezz'ora con un destro di Lo Sicco, alto non di molto. Poco dopo ci prova anche Potenza, Perucchini non corre alcun rischio. Nel finale di primo tempo Lepore incrocia con il destro al volo, ma la sfera termina sul fondo con Caturano che non trova la zampata vincente per questione di centimetri. Squadre negli spogliatoio sul risultato 2-0. 

Nella ripresa Ciullo opta subito per un cambio: fuori Paolucci, dentro Sampietro. Lecce subito in avanti, Lepore sotto porta mette batte Contini con il tacco, ma il direttore di gara segnala una posizione irregolare. Il risultato resta invariato. Al 13' Magnaghi sfrutta un rimpallo al limite dell'area, libera il destro e Perucchini si supera compiendo un intervento strepitoso in tuffo. Taranto vicino al gol che potrebbe riaprire la gara. Prima variazione per Padalino: rientra in panchina Tsonev, al suo posto c'è Maimone. Il classe '94 ci prova subito con il destro, conclusione di poco a lato. Al 35' ancora Magnaghi, l'uomo più pericoloso della formazione rossoblu, tenta il destro dalla trequarti senza in quadrare lo specchio della porta. La gara è ormai ben indirizzata, ma al 39' il Lecce archivia definitivamente la pratica Taranto: Lepore scodella dalla destra, il neo entrato Doumbia stacca imperiosamente e cala il tris. In pieno recupero azione personale di Potenza che libera il destro e costringe Perucchini alla respinta in corner. Non c'è più tempo, il Lecce fa due su due ottenendo il massimo dei punti in palio in queste due gare interne consecutive (in totale si tratta della settima vittoria casalinga di fila) e si aggiudica il derby. Il Taranto, piuttosto evanescente e palesemente rimaneggiato, torna a casa a mani vuote. La formazione di Padalino continua a inseguire la capolista Foggia, ma per via del successo dei satanelli a Caserta le distanze dalla vetta restano invariate. I play-off, a questo punto, sembrano davvero inevitabili.

LECCE (4-3-3): Perucchini; Ciancio, Cosenza, Giosa, Vitofrancesco; Tsonev (65′ Maimone), Arrigoni (81′ Fiordilino), Costa Ferreira; Lepore, Caturano, Torromino (60′ Doumbia). A disposizione: Bleve, Chironi, Agostinone, Marconi, Pacilli, Drudi, Monaco, Muci, Mengoli. Allenatore: Padalino.

TARANTO (4-5-1): Contini; Balzano (46′ Sampietro), De Giorgi, Magri, Pambianchi; Paolucci (55′ Viola), Maiorano, Lo Sicco, Nigro, Potenza; Magnaghi (85′ Cobelli). A dispsizione: De Toni, Boccadamo, Russo, Pirrone, Guadalupi, Cecconello. Allenatore: Ciullo.

ARBITRO: Forneau di Roma, Rotondale, Zancanaro

AMMONITI: Torromino (L); Nigro (T).

MARCATORI: Lepore 24', Torromino 26', Doumbia 83'. 

Luigi D'Ambrosio

I più Letti

Facebook

Real Time Web Analytics