La Lazio beffa un buon Lecce: non bastano Lapadula e La Mantia, Inzaghi batte Liverani 4-2

Scritto da  Luigi D'Ambrosio Domenica, 10 Novembre 2019 16:21

Un buon Lecce viene beffato dalla Lazio tra le polemiche scaturite da alcune decisioni arbitrali. Inzaghi batte l'amico Liverani

Calderoni e Petriccione marcano Immobile Calderoni e Petriccione marcano Immobile Foto Lazio Twitter

Un buon Lecce viene beffato dalla Lazio che si impone 4-2. Sblocca l'incontro dell'Olimpico Correa dopo un buco di Rossettini, i giallorossi reagiscono e pareggiano con la zampata di Lapadula sugli sviluppi di un corner. Nella ripresa sbaglia ancora Rossettini e Milinkovic-Savic riporta avanti i suoi. Al 67' Mancosu si guadagna un calcio di rigore, Babacar si fa ipnotizzare da Strakosha e sulla ribattuta Lapadula insacca. Dopo pochi istanti l'arbitro Manganiello annulla perché, come segnalato dal VAR, l'attaccante italo-peruviano era già all'interno dell'area, insieme ad altri calciatori biancocelesti, nel momento in cui Babacar calciava il penalty. Il rigore, però, era da ripetere da regolamento. Nel finale rigore anche per la Lazio per fallo di mano di Calderoni, Immobile trasforma. Poi arriva il poker di Correa e il neo entrato La Mantia accorcia nuovamente le distanze con un bel colpo di testa, primo gol in Serie A per l'attaccante romano. Non c'è più tempo, finisce tra le polemiche e Inzaghi batte l'amico Liverani. La Lazio sale al quarto posto a quota 24 agganciando il Cagliari, i salentini restano in sedicesima posizione con 10 punti.

CLASSIFICA: Inter 31; Juve 29; Cagliari, Lazio 24; Roma, Atalanta 22; Napoli 19; Fiorentina 16; Verona 15; Parma, Torino, Udinese 14; Milan, Sassuolo* 13; Bologna 12; Lecce 10; Genoa, Samp 9; Spal 8; Brescia* 7.

*una partita in meno

Facebook

Real Time Web Analytics