FOGGIA-CREMONESE 2-3: secondo ko di fila allo Zaccheria per i satanelli

Scritto da  Colpoditaccoweb.it Sabato, 04 Novembre 2017 17:30

Sbloccano Coletti e Beretta, ma i grigiorossi ribaltano il risultato con Brighenti, Mokulu e Piccolo

I rossoneri scendono in campo con il 4-3-3, senza grosse novità rispetto alle attese della vigilia, c’è Agazzi che si riprende il posto da titolare dopo l’infortunio e Celli, riconfermato per la seconda partita consecutiva; anche mister Tesser conferma il 4-3-1-2, la novità più importante è il rientro tra i titolari di Croce a centrocampo.

La partita è frizzante sin dall’inizio e, nonostante le squadre non tirino molto in porta, c’è l’impressione che la gara si possa sbloccare da un momento all’altro. Ad inizio partita la Cremonese è guardinga e concede ai padroni di casa la possibilità di creare di più. La prima occasione degna di nota arriva al 21’, quando Chiricò, rientrando da destra verso sinistra, mette in apprensione la difesa avversaria con un tiro di poco fuori. La partita è viva, però le occasioni da gol latitano, ma al 35’ cambia tutto, infatti la squadra di Stroppa si guadagna un calcio di punizione dal limite dell’area di rigore; Coletti calcia perfettamente scavalcando la barriera e posizionando il pallone alla destra di un immobile Ujkani, il Foggia è in vantaggio. Due minuti dopo arriva il secondo sigillo dei rossoneri, grazie ad una grandissima giocata di Mazzeo, che dal lato corto dell’area di rigore pesca Beretta al centro dell’area che di testa incrocia la traiettoria e batte per la seconda volta Ujkani. La gara continua a regalare spettacolo nella fase finale del primo tempo e infatti arriva il gol che riapre la gara grazie a Brighenti che riceve palla e calcia in modo deciso verso la porta di Guarna, il bomber ospite è agevolato da una netta deviazione di Camporese influente per la traiettoria del pallone. Prima del doppio fischio del direttore di gara i grigiorossi riescono a trovare addirittura il pareggio, dopo un’azione dalla destra, con Mokulu che si smarca al centro dell’area di rigore e beffa Guarna per la seconda volta. Il primo tempo si conclude 2-2, partita vivace, ma la tenuta dei rossoneri, ancora una volta, lascia a desiderare.

La ripresa vede immediatamente due avvicendamenti per i rossoneri, Stroppa infatti sostituisce Chiricò e Deli ed inserisce Fedato e Gerbo. La gara è decisamente più lenta, ma i padroni di casa non danno l’impressione di poter pungere. Al 56’ arriva l’episodio che decide la partita; Gerbo commette un fallo ingenuo su Mokulu sulla stessa mattonella da cui Coletti aveva realizzato nel primo tempo, Piccolo calcia pregevolmente pizzicando il palo alla sinistra di Guarna, anche se in questo caso l’estremo portiere rossonero appare colpevole, dato che il pallone si insacca sul suo palo, è 2-3. Nel resto della ripresa i rossoneri provano a scuotersi, ma non riescono ad essere pungenti, fatta eccezione per un’ occasione al 36’ dove Gerbo, su punizione, mette in mezzo un pallone che per poco non viene deviato in autogol da Castrovilli. La gara si conclude dopo 6’ di recupero sul 2-3, i dauni dilapidano per l’ennesima volta il risultato di vantaggio, la Cremonese invece può davvero sognare la promozione diretta in serie A.             

Nella prossima giornata i rossoneri saranno ospiti dell’ Ascoli, mentre i lombardi affronteranno in casa il Palermo di Tedino.

TABELLINO: Foggia-Cremonese 2-3: 35’ Coletti (F), 38’ Beretta (F), 40’ Brighenti (C), 45’ Mokulu (C), 56’ Piccolo (C)   

FOGGIA (4-3-3) Guarna; Loiacono, Camporese, Coletti, Celli; Vacca, Deli (46’ Gerbo), Agazzi; Chiricò (46’ Fedato), Mazzeo, Beretta (73’ Nicastro). A disp: Pelizzoli, Sarri, Pertosa, Rubin, Empereur, Ramè, Fedele, Calderini Lodesani. All. Giovanni Stroppa

CREMONESE (4-3-3) Ujkani; Almici, Canini, Garcia, Renzetti; Arini, Pesce (67’ Cavion), Croce; Piccolo (76’ Castrovilli), Mokulu (84’ Marconi), Brighenti. A disp. D’Avino, Ravaglia, Procopio, Cinelli, Scarsella, Perulli, Macek, Scappini All. Attilio Tesser

ARBITRO: il signor Ghersini di Genova

AMMONITI: Gerbo (F), Arini (C), Croce (C)

RECUPERI: 1 p.t, 6 s.t. 

Giuseppe Zingrillo

I più Letti

Facebook

 

 

Real Time Web Analytics