EURO 2016 Vola l'Italia dei salentini, orgoglio Pellè: il centravanti chiude i conti, Belgio ko

Scritto da  Luigi D'Ambrosio Martedì, 14 Giugno 2016 03:19

Gli Azzurri battono nella gara d'esordio dell'Europeo il Belgio. Una prova di cuore e grinta: apre Giaccherini nel primo tempo, il centravanti di Monteroni chiude i conti al 93'. Buona la prima per i salentini Conte e Pellè

Il salentino Pellè sigla il 2-0 finale contro il Belgio Il salentino Pellè sigla il 2-0 finale contro il Belgio Foto gazzetta.it

In una serata dalle strane suggestioni, anche climatiche (prima un diluvio tropicale, poi l’aria tersa del nord) la squadra di Conte viene a capo dell’impegno presumibilmente più difficile del girone, quello con i belgi secondi nella classifica mondiale Fifa, anche al di la’ del 2-0 finale firmato dal piccolo bolognese e dal calabrese emigrato in Inghilterra. Trasformano la sfida in un lunghissimo corpo a corpo calcistico contenendo i tanto decantati talenti belgi, gli azzurri: ma non sfigurano affatto. E anzi ai punti meritano pienamente una vittoria che li porta sorprendentemente alla ribalta della rassegna continentale, oltre a garantire quasi la qualificazione agli ottavi di finale. Ma l’Italia vista stasera se manterrà le promesse non dovrà certo puntare al passaggio del turno con il ripescaggio delle terze classificate, per il quale potrebbero bastare tre punti: è, al contrario, con la Germania campione del mondo l’unica rappresentativa a non avere vinto di misura. E soprattutto è apparsa una squadra: con limiti tecnici evidenti, ma con un carattere e una personalità che si esaltano nei difensori e nel metronomo-gladiatore De Rossi oltre che nella vivacità di Candreva. E in un torneo breve come l’europeo, Conte lo sa bene, certe alchimie bastano a fare tanta strada. Nonostante l’operazione segretezza lanciata dal Ct alla vigilia, l’Italia si è presentata in avvio nella formazione ampiamente prevista: un 5-3-2 furbo (in quanto flessibile negli esterni che erano deputati a scalare e a regalare all’occorrenza a Buffon un difensore in più) imperniato nella difesa juventina con a centrocampo il redivivo De Rossi a contrastare le iniziative avversarie, oltre che a dare i tempi del gioco. Modalità, queste, recepite dagli interni Parolo e Giaccherini e dagli esterni Candreva e Darmian, mentre in avanti giostrava la coppia di gran parte del girone di qualificazione, Pelle’ ed Eder. Wilmots aveva risposto con un 4-2-3-1 nel quale non trovava posto un giocatore della caratura di Mertens, e questo dava il senso dell’abbondanza di talento tra le fila degli avversari degli azzurri. E però oltre alla qualità tecnica nel calcio contano tattica e personalità, così nel primo tempo l’Italia riusciva a imbrigliare in una sorta di match continuo i belgi: magari andavano anche all’angolo, gli azzurri, ma non rischiavano mai il colpo del ko. Perché la manovra belga, impantanata nella densità a centrocampo degli azzurri, non fluiva e riusciva a produrre solo un paio di tiri pericolosi da lontano, entrambi di Nainggolan, di gran lunga i migliore dei suoi nella prima fase: al 10′ era bravo Buffon a deviare in angolo, al 22′ la palla calciata dal romanista finiva direttamente fuori, anche se di poco. L’Italia per parte sua si faceva viva dalle parti di Courtois con un tiro vero per la prima volta al 29′ (Pelle’ calciava a giro, palla a 50 centimetri dal palo. Poi pero’ trovava il colpo d’incontro, potentissimo: un lancio da quarterback di Bonucci attivava in area Giaccherini, bravo a sfruttare un’indecisione di Alderweired: stop perfetto di sinistro del bolognese, e tocco vincente di destro sull’uscita di Courtois. Insistevano, gli azzurri: e mancavano di poco il raddoppio, prima con una botta di Candreva parata e poi con uno sciagurato colpo di testa di Pelle’, liberato da Parolo. Ma chiudevano il tempo inopinatamente in vantaggio. La ripresa si apriva con un paradosso: un errore di Darmian in attacco innescava un contropiede bega che portava al tiro da solo davanti a Bffon Lukaku, il cui tiraccio apriva il cuore dei tifosi azzurri alla speranza. Un minuto dopo Pelle’ falliva anca la realizzazione da due pass su cross di Candreva (bravo anche Courtois in tuffo). Conte decideva comunque che la sofferenza di Darmian sulla sinistra era troppa, e lo sostituiva al 13′ con De Sciglio. Wilmots replicava sostituendo Nainggolan con Mertens e si meritava fischi fortissimi dai suoi tifosi. Poi ci provava inserendo Origi e Carrasco, e Conte replicava puntando su Immoble al posto di Edere Thiago Motta per un De Rossi monumentale. Il Belgio premeva, ma trovava un’opportuntà vera solo al 37′ su cross di Hazard spizzato malamente da Origi. Poi al 39′ Courtois salvava su gran tiro di Immobile, lanciato in contropiede, replicando la prodezza su tocco ravvicinato di Parolo un minuto dopo. Ma il raddoppio azzurro, meritato, era solo rinviato: in pieno recupero Candreva innescava Pellè che da due passi al volo di destro dava il via alla festa dei sostenitori italiani e salentini, perché i suoi conterranei erano nelle piazze per seguire le sue gesta, con emozione ed orgoglio.

I più Letti

Facebook

Real Time Web Analytics